Responsive image
Gaspara Stampa

Vivere ardendo

Love
2015, e-pub

ISBN: 9788893230155
€ 6,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Tra le poetesse rinascimentali, Gaspara Stampa emerge per la forza e il coraggio con cui esprime le sue passioni: l’amore per lei è un fuoco che brucia, consuma, dilania. Una sofferenza di cui non si può fare a meno: "Amor m’ha fatto tal ch’io vivo in foco […]/ Le mie delizie son tutte e il mio gioco/ viver ardendo e non sentire il male". Ardeva di passione, Gaspara, e non aveva alcun pudore nell'esprimere i suoi sentimenti alla luce del sole. Ammirata anche da D’Annunzio, la poetessa rinascimentale è ancora oggi una ricca fonte di ispirazione.

Autore

Gaspara Stampa

Gaspara Stampa (Padova, 1523 – Venezia, 23 aprile 1554) è stata una poetessa italiana. Traferitasi a Venezia con la famiglia, condusse una vita elegante e spregiudicata, distinguendosi per la sua bellezza e per le sue qualità. Fu difatti cantante e suonatrice di liuto, oltre che poetessa, ed entrò nell'Accademia dei Dubbiosi. L'abitazione degli Stampa divenne uno dei salotti letterari più famosi di Venezia, frequentato dai migliori pittori, letterati e musicisti del Veneto, e molti accorrevano a seguire le esecuzioni canore di Gaspara delle liriche di Petrarca. Gaspara fu portata dalla forte carica della sua personalità a vivere in modo libero diverse esperienze amorose, che segnano profondamente la sua vita e la sua produzione poetica. I romantici videro in lei una novella Saffo, anche per la sua breve esistenza, vissuta in maniera intensamente passionale. Fra queste è da ricordare l'amore per il conte Collaltino di Collalto, uomo di guerra e di lettere, che sfortunatamente non ricambiò l'amore intenso che Gaspara provò per lui. "Le rime" (1554), opera che la rese famosa, è dedicata in gran parte al conte Collaltino; le 311 rime, concepite secondo il modello petrarchesco, costituiscono una delle più interessanti raccolte liriche del Cinquecento.