Responsive image
Andrea Villani

Romanzo italiano

Una storia di mafia, amore e (soprattutto) precariato

I colibrì
2017, pp. 196, 14 x 21

ISBN: 9788893232210
€ 17,00
In uscita In uscita In uscita
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Ci sono quelli che raccontano storie e ci sono i cantastorie. Andrea Villani, io lo so perché lo conosco bene, è un cantastorie. Lo si capisce da un paio di cose. La prima è che i suoi personaggi, con le trame che li muovono, le dinamiche psicologiche che li fanno incontrare e scontrare, con lo sfondo in cui stanno, sono così veri da essere persone che vivono in un tempo e in una società che è la nostra(…). La seconda è l’ironia. Un senso della battuta e della situazione, che anche nella tragedia rivela il puro e meraviglioso distacco del divertimento. Ecco, anche questo libro, con i suoi personaggi e la sua storia, è così.
Carlo Lucarelli

Riccardo Manzoni, architetto milanese cinquantenne di buon aspetto e cultura, estrae un tubo di plastica dal bagagliaio della sua Audi, lo infila nella marmitta, e prova a farla finita nei pressi del casello di Melegnano. Contemporaneamente, a Torre Annunziata, Antonio Esposito, figlio del boss Salvatore Esposito, e il cugino Totò, per dimostrare il loro ruolo di giovani duri della camorra debbono ammazzare Luigi Caruso, detto “Giggino Bocca Aperta”. Le loro vite così apparentemente lontane si intrecceranno, in un grottesco noir che non risparmia colpi di scena e con un finale eticamente e politicamente scorretto. Romanzo italiano. Una storia di mafia, amore e (soprattutto)precariato ha il sapore di un racconto quasi surreale: ma poiché ormai la realtà – e quella italiana più d’ogni altra – supera la fantasia, Villani mette in scena un Paese tremendamente reale: un’Italia precaria in tutto e per tutto, un gigantesco e unico “non-luogo”, un grande centro commerciale dell’anima, in cui la Milano “bene” e la Napoli “male” giocano a scambiarsi i ruoli, tra rapine rocambolesche, sontuose feste gay, vecchi boss affetti da nevrosi, giornalisti coraggiosi, e perfidi usurai griffati ed eleganti. Ogni riferimento a fatti veramente accaduti non potrà essere certamente casuale.

«Percepì la propria invisibilità agli occhi del mondo. Gli tornò alla mente quel rudere accanto al quale aveva deciso di morire e ne avvertì la bellezza. Ogni anno trascorso sarebbero diminuite le difese e le fondamenta avrebbero cominciato a sfaldarsi. Una nigeriana altissima nel frattempo riuscì a leccarsi i capezzoli portando il seno sino alla bocca. Tra l’erba gramigna che infestava le pietre, e l’edera che le nascondeva, si notò un fiore di campo a lungo stelo che signoreggiava sprezzante. Un bellissimo papavero rosso porpora.»

Autore

Andrea Villani

Andrea Villani ha pubblicato diversi romanzi e racconti, tra i quali La notte ha sempre ragione, La strategia del destino, e Luciano Lutring – la vera storia del solista del mitra. Scrive per radio, televisione e teatro. Il suo ultimo spettacolo “Lutring!”, con le musiche di Ugo Cattabiani, è interpretato da lui stesso. È stato diversi anni opinionista televisivo per Rai 2 e Rai Notte. Conduce da dieci anni, per diversi emittenti televisive, il fortunato talk show “Lo Street Talk di Andrea Villani”.

Eventi

Romanzo italiano. Una storia di mafia, amore e (soprattutto) precariato

Parma - 13 Ottobre dalle 19:00 alle 20:00
T- Cafè (Palazzo Dalla Rosa Prati), Vicolo al Battistero

Anteprima del libro " Romanzo italiano. Una storia di mafia, amore e (soprattutto) precariato" di Andrea Villani.

Recensioni
Margherita Portelli, Gazzetta di Parma, 15/10/2017

Arte e scrittura in scena al Tcafè