Responsive image
Valerio Curcio

Il calcio secondo Pasolini

Storie e Personaggi
2018, pp. Formato liquido, Formato e-pub

ISBN: 9788893232913
€ 8,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

«Il tifo è una malattia giovanile che dura tutta la vita». P.P.P.

«Perché continuare a blaterare che in fondo si tratta “solo” di una partita di calcio, è una bestemmia, un’idiozia e forse anche un crimine intellettuale. A costoro direi di leggere Il calcio secondo Pasolini, prima di aprire bocca, se ciò servisse a qualcosa». Antonio Padellaro

«Secondo me Pier Paolo andava avanti con la testa rivolta indietro. Inseguiva un sé stesso bambino che scappava. Quando giocava, quel bambino prendeva corpo assieme al pallone; quando finiva di giocare, tornava l’adulto inquieto e doloroso che era diventato».
Dall’intervista a Dacia Maraini in appendice al volume.

Una disperata vitalità. Pier Paolo Pasolini e il calcio: giocato, pensato, raccontato.

Dalle partite con i “ragazzi di vita” della borgata romana all’epica sfida tra il suo cast e quello di Bertolucci durante le riprese di Salò e di Novecento pochi mesi prima della morte. Questo libro è un percorso fatto di letteratura e testimonianze dirette, alcune delle quali inedite, che attraversa il rapporto sentimentale tra Pier Paolo Pasolini e il gioco del calcio. Prima ancora che uno sport, il pallone è per Pasolini un linguaggio umano, che si esplica ogni qualvolta un piede tocca un pallone. E se il calcio è un linguaggio, gli atleti possono usare stili espressivi differenti: così il gioco corale delle squadre mitteleuropee è prosa realista, mentre il dribbling dei sudamericani è poesia lirica. Pasolini vive con piacere la contraddizione di intellettuale impegnato che ama uno sport da molti considerato “oppio dei popoli”. Il suo sguardo di appassionato, ma anche di giornalista sportivo, osserva il calcio dai campetti di periferia fino alla Serie A: talvolta ingenuamente nell’ammirare la fisicità di una sfida tra i palazzi di periferia, talvolta appassionatamente nel tifare il suo Bologna, talvolta con attenzione sociologica nel considerare la partita allo stadio come l’ultimo rito sacro dell’età contemporanea. Il calcio nella sua essenza primordiale.

Autore

Valerio Curcio

Roma, 1992, laureato in Lettere Moderne e specializzato in Giornalismo e Comunicazione Digitale alla Sapienza, scrive come giornalista per il quotidiano «Il Romanista». Per lo stesso giornale è responsabile dell’area digitale della redazione. Ha scritto anche per Io Gioco Pulito, inserto online de «il Fatto Quotidiano». La sua attenzione è rivolta al fenomeno del calcio nei suoi diversi aspetti culturali, sociali, politici e alle storie vissute fuori dai riflettori dei campi di gioco.

Recensioni
Federico Baranello, Gli Eroi del Calcio, 13/11/2018

“Il calcio secondo Pasolini”. Intervista all’autore Valerio Curcio

Antonio Padellaro, Il Fatto Quotidiano, 31/10/2018

Noi, PPP e l’oppio del tifo