Sibilla Aleramo

Sibilla Aleramo, pseudonimo di Marta Felicina Faccio detta "Rina" (Alessandria, 14 agosto 1876 – Roma, 13 gennaio 1960), è stata una scrittrice e poetessa italiana. In seguito a un'infanzia difficile, volle riscattarsi attraverso un personale impegno a realizzare aspirazioni umanitarie attraverso le letture e gli scritti di articoli che le furono pubblicati, a partire dal 1897, nella «Gazzetta letteraria», ne «L'Indipendente», nella rivista femminista «Vita moderna», e nel periodico, di ispirazione socialista, «Vita internazionale». Il suo impegno femminista non si limitò alla scrittura ma si concretizzò nel tentativo di costituire sezioni del movimento delle donne e nella partecipazione a manifestazioni per il diritto di voto e per la lotta contro la prostituzione. Dal 1901 al 1905 collaborò con la rivista Unione femminile, pubblicata dall'Unione femminile nazionale, di cui diventò socia nel 1906. Fu proprio durante questi anni che realizzò il suo primo romanzo “Una donna”, pubblicato sotto lo pseudonimo di Sibilla Aleramo, che da allora divenne il suo nome nella letteratura e nella vita. Si tratta di uno dei primi libri femministi apparsi in Italia ed è chiaramente un romanzo autobiografico, in cui la protagonista narra in prima persona la sua vita.
Responsive image
Sibilla Aleramo
2015, e-pub
ISBN: 9788893230223
€ 6,99