Responsive image
Vauro Senesi

La Zecca

Prefazione di Moni Ovadia

Varia
2019, pp. 320, 14x21

ISBN: 9788893233101
€ 16,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 16,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

«Un cagasotto come tutte le zecche rosse».

«Sempre stato un coniglio, sempre pronto a prendere in giro la Chiesa cattolica e il Centrodestra».

«Il solito comunista radical chic».

vauro

E si potrebbe continuare a lungo. La "zecca rossa" non è altri che lui, Vauro Senesi in arte Vauro. Non solo il maggior vignettista italiano di questi anni (questo ormai è un titolo assodato e guadagnato sul campo): ma un opinionista a pieno titolo, un maître a penser (ma lui inorridirebbe certo a questa definizione) con la matita.

In questo libro, Vauro Senesi ha raccolto le vignette ideate e realizzate per «Left», la nota rivista di politica e società, "unico giornale di Sinistra" come si autodefinisce (anche ironicamente). Ne La zecca troverete dunque le battute più corrosive del più corrosivo autore satirico italiano. Sempre cattive, a volte cattivissime. Quasi sempre politicamente scorrette, o iper-corrette. Da amare o da detestare, così come avviene per il suo autore.
L'ultima, vera, irriducibile "zecca rossa" che si possa trovare nel panorama giornalistico e culturale dell'Italia di oggi.

La raccolta di 320 tra vignette e tavole, anche a colori, uscirà insieme a Left in edicola da venerdì 12 aprile.

Autore

Vauro Senesi

Vauro Senesi, noto semplicemente come Vauro (Pistoia, 24 marzo 1955), è un disegnatore, editore, personaggio televisivo e attore italiano. È tra i vignettisti satirici più conosciuti in Italia. Collabora stabilmente con «il Fatto Quotidiano» e «Left»; è storico collaboratore delle trasmissioni tv Annozero e Servizio Pubblico di Michele Santoro con Marco Travaglio. Inizia la sua attività nel 1977, fondando con Pino Zac «IL MALE», rivista cult della satira italiana, che ha fatto risorgere con la complicità di Vincino. Ha lasciato il segno su molte testate, da «Satyricon» a «Cuore», da «Smemoranda» a «Boxer», dal «Manifesto» al «Corriere della sera».

Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Kualid che non riusciva a sognare, La scatola dei calzini perduti (Premio selezione Bancarella 2010), Farabutto, Il respiro del cane, Critica della ragion satirica, Storia di una professoressa, Toscani innamorati, Buongiorno professoressa, Tutto Vauro, Dio è tornata. Si è fatta donna per noi.