Responsive image
Gianpaolo Anderlini

Il cibo nella Bibbia e nella tradizione ebraica

Bibbia e Giornale
2015, pp. 176, 10,7x17,8

ISBN: 9788899276058
€ 14,00 -15% € 11,90
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,90
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Sinossi

Quando si affronta il tema della tavola e del cibo nella tradizione e nella cultura ebraica, si è portati a concentrarsi sull'insieme delle regole, a prima vista rigide e limitanti, della kashrùt. Cosa è kashèr (ammesso)? Cosa non lo è? Come si macellano gli animali? Perché si debbono tenere separati i latticini dalla carne? In quali modi si conservano i cibi? Come si cucinano? Le pratiche della tavola e del cibo sono elemento determinante nella definizione della "identità" ebraica. Grazie ad esse, scrive Ernest Gugenheim, "la tavola intorno a cui si riunisce la famiglia per i pasti diventa l'altare domestico". Proseguendo nella sua ricerca sulla spiritualità del mondo materiale nell'ebraismo, dopo aver trattato del vino e della sessualità, Gianpaolo Anderlini è approdato all'universo "gastronomico". Partendo da una citazione di una pagina de Il Giardino dei Finzi-Contini, l'autore ripercorre il rapporto cibo-cultura-religione alternando le poche fonti greco-latine con le ampie citazioni dalla Bibbia e i numerosi passi talmudici; senza dimenticare i racconti chassidici di Martin Buber, le illuminanti "storielle" raccontate da Moni Ovadia, le testimonianze di Primo Levi ed Edith Bruck. L'ebraismo ci insegna che la cucina, la tavola e il cibo non sono la risposta al bisogno di alimentarsi, ma il luogo centrale del tempo quotidiano e della vita. Essi definiscono il rapporto dell'uomo con Dio, con gli esseri viventi, con il mondo creato e con gli altri uomini. Non altrimenti poteva chiudersi, dunque, questo volume se non riportando e commentando qualche classica ricetta della cucina ebraica: dal "charòset" alla "ruota di Faraone", fino ai celeberrimi "carciofi alla giudìa".

Autore

Gianpaolo Anderlini

Gianpaolo Anderlini: si occupa da oltre trent'anni di studi sull'ebraismo (Bibbia, lingua ebraica, Midrash, Talmud) e di poesia. È docente di materie letterarie al liceo scientifico "A.F. Formiggini" di Sassuolo (MO) e redattore della rivista "QOL" che si occupa del dialogo ebraico-cristiano. Ha pubblicato articoli e contributi su "QOL", "Bibbia e Oriente", "Rivista Biblica Italiana", "Orientamenti", "Parola spirito e vita" e in diverse opere collettive. Segue e coordina le attività delle scuole di lingua e cultura ebraica di Salvarano (RE). Con Wingsbert House ha pubblicato "I calici della memoria. Il vino nella tradizione ebraica" e "Tu mi hai rapito il cuore. Eros, amore e sessualità nella Bibbia ebraica" (2014) e "Per favore non portateli ad Auschwitz" (2015).

Eventi

Presentazione "Il cibo nella Bibbia e nella tradizione ebraica"

Sassuolo - 10 Maggio dalle 21:00 alle 23:00
Sala G. Biasin, Via Rocca 22

Martedì 10 maggio presentazione del libro di Gianpaolo Anderlini con la partecipazione di Maria Savigni (assessore alla pubblica istruzione) e Pietro Mariani Cerati (direttore di collana).

Milano, Gianpaolo Anderlini presenta "Il cibo nella Bibbia e nella tradizione ebraica"

Milano - 05 Novembre dalle 18:00 alle 20:00
Libreria Claudiana, Via Francesco Sforza 12/a

L'autore converserà con Bruno Segre, giornalista e scrittore, e Pietro Mariani Cerati, direttore per la Wingsbert House della collana "Bibbia e Giornale"